Menti Informatiche: News dal Mondo del Web!
» Redazione » Contatti

iPad mini: Tutto quello che devi sapere

Inserito gennaio 1, 2013 Da   ·   Commenti

Un iPad dal design interamente U rinnovato, 23 percento più sottile e 53 percento più leggero rispetto a ll’iPad di terza generazione. Si chiama ¡Pad mini ed è a tu tti gli effetti una versione miniaturizzata dell’iPad 2, riveduto e corretto in alcune caratteristiche. Definito da Philip Schiller, Vicepresidente di Apple, come “ un piccolo grande ¡Pad” l i Pad mini ha un display Multi-Touch da 7,9 pollici e 10 stesso numero di pixel dei primi due modelli. Con una risoluzione di 1024 x 768 è quindi subito pronto a utilizzare le oltre 275000 app create o ottimizzate per l’iPad in questi anni. Se poi consideriamo le ottime caratteristiche tecniche, le prestazioni wireless e la connettività dati 4G, nonché un’autonomia di 10 ore, pari a quella degli a ltri ¡Pad, il nuovo mini ha tutte le carte in regola per ritagliarsi uno spazio importante nel parco macchine di chi viaggia molto o per conquistare nuovi utenti ancora indecisi se un tablet fa davvero per loro. Sottile come una matita e leggero come un bloc-notes, l’iPad mini è stato progettato per stare in una sola mano ma offrire uno schermo mediamente più grande di quello di a ltri tablet “piccoli” in commercio . e distinguersi in quanto membro a tu tti gli effetti della famiglia ¡Pad. Il design è unibody in vetro e alluminio, spesso appena 7,2 mm di spessore e pesante poco più di 300 grammi, la metà degli ¡Pad con schermo da 9,7 pollici. Disponibile in due colori, il retro dell’iPad mini prende le mosse dall’iPhone 5 e la scelta è tra un modello con cornice bianca e retro argento oppure cornice nera e retro in ardesia. 11 punto di forza dell’iPad mini è senza dubbio il display Multi-Touch da 7.9 pollici, che offre il 35% di spazio a video in più rispetto ai tablet da 7 pollici, e offre un’area di visualizzazione effettiva superiore del 67%. Laddove i tablet da 7” hanno un’area utile di 141,9 cm quadrati. l’iPad mini offre invece 191.4 cm quadrati, ed ha la stessa proporzione degli ¡Pad con schermo da 9,7, così da permettere una fruizione invariata delle app. Non è un display Retina, probabilmente per contenere il consumo energetico e il calore prodotto, ma si tratta comunque di un ottimo schermo, dai colori brilla nti e testi nitidi. Retroilluminato LED, con tecnologia IPS, lo schermo dell’iPad mini ha una griglia di 1024 x 768 pixel ma ha una densità di 163 ppi (pixel per pollice) contro i 132 ppi dell’iPad originale e del 2. E le performance? L’iPad mini ha lo stesso hardware dell’iPad 2 ed adotta lo stesso chip dual-core A5 così da non imporre alcun sacrificio nell’uso. E nonostante dimensione e batteria ridotte, il mini offre un’autonomia in linea con lo standard a cui Apple ci ha abituato in questi anni. L’azienda afferma che è possibile arrivare fino a 10 ore di navigazione web via Wi-Fi, riproduzione video o riproduzione audio e fino a 9 ore di navigazione web se ci connettiamo tramite la rete dati cellulare. Ma le novità del 2012 di Apple non si esauriscono con l’iPad mini. A sorpresa, l’iPad di terza generazione viene sostituito da un modello ancora più potente, in netto anticipo sui tempi previsti. Il nuovissimo ¡Pad di quarta generazione conferma il display Retina da 9,7″ ad alta risoluzione e 264 ppi. Ma a spingerne le performance ce ora il nuovissimo chip integrato A6X. Si tratta di una variante ulteriormente potenziata dellA6 delliPhone 5, che è in grado di raggiungere prestazioni della CPU e grafiche fino a due volte più veloci rispetto al chip A5X del modello di terza generazione. Il nuovo chip rende l’iPad ancora più veloce e reattivo e offre un sistema che migliora sia l’elaborazione che la visualizzazione di foto e video. E nonostante la potenza maggiorata rimane invariata l’autonomia, che – almeno nominalmente – dovrebbe raggiungere sempre le 10 ore di navigazione web via Wi-Fi, di riproduzione video o riproduzione di musica e arrivare a 9 ore di navigazione web se ci connettiamo tramite la rete dati cellulare. Un nuovo chip integrato, chiamato A6X, è il cuore della scheda logica del quarto modello di ¡Pad, e prosegue il lavoro di sviluppo e ottimizzazione delle specifiche ARM. Come per gli A4 e A5 e relative varianti, i progettisti Apple hanno creato un “system-on a chip” proprietario, in modo da differenziarsi dalla concorrenza e fornire hardware “su misura” per iOS. Oltre allo schermo rimane invariato anche l’aspetto: l’iPad ha lo stesso design sottile e leggero e le stesse dimensioni del predecessore, cosa che rende il tablet compatibile con custodie e gran parte degli accessori (tra cui Smart Cover e Smart Case). Non tutti, però, dato che, come con ¡Pad mini, Apple ha sostituito il connettore dock a 30 pin con il nuovo Lightning, che ha numerosi vantaggi, in primi la possibilità di inserirlo in entrambi i versi, velocizzando e facilitando tutte le operazioni di trasferimento dati 2 sincronizzazione. Di contro nel modello con connettività cellulare abbiamo ancora la “vecchia” Micro-SIM e non la nuova Nano-SIM. Novità anche per la dotazione foto/video, di cui è stata potenziata la parte per videochat. Sul retro è confermata la foto/videocamera iSight in grado di fare scatti da 5 Megapixel e filmati in full HD a 1080p. La videocamera frontale fa un notevole passo in avanti con FaceTime HD. presente anche sull’iPad mini, per fare foto da 1,2 Megapixel e soprattutto video HD a 720p e videochiamate FaceTime. L’iPad di quarta generazione è ovviamente disponibile con il solo Wi-Fi. aggiornato al 802.11 n dual-band (2,4 GHz e 5 GHz), e supporto per i protocolli a/b/g/n o anche con connettività a Internet via rete cellulare con supporto per LTE e DC-HSDPA nelle frequenze “4G” che verranno usate anche nel nostro paese dagli operatori (a partire da TIM), a differenza dell’iPad precedente.


Readers Comments (0)




Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.

Seguici su Facebook

Più Letti di Oggi

Commenti recenti