“Orge tra preti sul web” Rimosso parroco di Taranto

Orge, scambi di immagini hard e indirizzi di preti omosessuali con i quali incontrarsi. Potrebbe arrivare fin dentro il Vaticano la presunta rete di appuntamenti hot rivelata qualche giorno fa e di cui è protagonista un parroco di Taranto. Si tratta di un ecclesiastico dell’Ordine dei Carmelitani di 50 anni, che è stato rimosso dall’arcivescovo di Taranto, monsignor Filippo Santoro, amico di Papa Bergoglio fin da quando entrambi erano vescovi in America Latina.

È questo il primo provvedimento preso nell’ambito di una vicenda che parte dalla denuncia, rivelata nei giorni scorsi dal Corriere del Mezzogiorno, di un 32enne di Rovigo. L’accusatore – un ex aiuto cuoco che in Rete si sarebbe finto anche lui parroco – ha rivelato di aver conosciuto il religioso tarantino tramite social network a metà dicembre del 2014.prete-pedofilo

SUL WEB, il parroco gli avrebbe chiesto sesso on line e lo avrebbe molestato al punto da costringerlo a ricorrere a psicofarmaci. “Un giorno – scrive il 32enne di Rovigo nella segnalazione alla Curia – mi disse: ti devo confessare una cosa, ho una debolezza, sono gay”. Sembrava outing e invece era la rivelazione di una vita di cui nessuno si era accorto nella diocesi di Taranto. Gli incontri erano solo virtuali, quindi. E molti, secondo le indiscrezioni trapelate ieri, sarebbero stati documentati dagli screenshot delle chat di Skype e Facebook e dalla registrazione in webcam di video. Proprio in Rete, il parroco avrebbe proposto viaggi e ospitalità a Taranto, come pure incontri sessuali in cambio di lavoro. Il materiale raccolto dal denunciante è finito in un dossier inviato sia alla Diocesi ionica sia al vicario giudiziale della sede tarantina del Tribunale ecclesiastico della Puglia, monsignor Giuseppe Donato Montanaro.

Se da una parte la curia ionica spiega che non “c’è traccia alcuna del coinvolgimento in diocesi di altri sacerdoti”, dall’altra, nel dossier, ci sono finiti anche i racconti fatti dal parroco rimosso di incontri con altri preti in tutta Italia. E non solo: il sacerdote avrebbe confidato al ragazzo di Rovigo anche di aver avuto una storia con una giovane Guardia svizzera del Vaticano. “Allora mi chiedo, questa persona ama Dio? – scrive il 32enne di Rovigo nella lettera pubblicata dal Corriere del Mezzogiorno – Ha rispetto per Dio e tutta la Santa Chiesa? Il Vescovo? Il Papa? Merita una persona così di essere chiamato alla parola di Dio… Essendo un sacerdote che chiede di fare orge tra preti suoi conoscenti, amici e via così?”. Che si tratti o meno di racconti di fantasia sarà verificato nelle prossime settimane anche ol-tretevere.

INTANTO il parroco è stato rimosso e adesso spetta all’Ordine dei Carmelitani, a cui il religioso appartiene, disporre il conseguente provvedimento disciplinare: sospensione a di-vinis o espulsione. In una nota emessa nella serata di lunedì scorso, la Curia di Taranto sottolineava come “il sacerdote interessato è stato rimosso (…) non appena lo stesso arcivescovo insieme ad alcuni curiali, ha appurato l’attendibilità dei fatti”.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi