Valeria Marini accusa: “Lui era già sposato” Cottone risponde: “Lei già sapeva tutto”

Si erano detti sì, in pompa magna, ii 5 maggio 2013 a Roma» davanti a 700 ospiti. Ma il ma-1 trimonio era durato meno di un anno. E adesso, a tempo record, il tribunale della Sacra Rota ha’ cancellato le nozze. Annullati perché l’imprenditore avrebbe nascosto a Valeria di essersi già sposato in chiesa, a Palermo, con una donna dalla quale ha avuto due figli. «Sono stata ingannata davanti a Dio! Ora è finito un incubo», dice lei. Ma lui  spiega: «È falso: sapeva tutto. E continua a voler spettacolarizzare»

L’incubo è finito», esulta Valeria Marini. Ma non la guerra. La Sacra Rota ha annullato il suo matrimonio con Giovanni Cottone celebrato a Roma il 5 maggio del 2013 nella basilica dell’Ara Coeli; più di 700 ospiti, otto metri di velo, tripudio di rose bianche. Tutto da dimenticare. La sentenza è diventata esecutiva il 30 marzo, in tempi record, a nemmeno due anni dal sì. E la motivazione è: impedimento di legame. Dai documenti, infatti, è emersa resistenza di un precedente matrimonio religioso dell’imprenditore, mai annullato, celebrato in chiesa a Palermo con una donna da cui ha avuto due figli. «Non ne sapevo niente!», ha detto la Marini, assistita dall’avvocato rotale Laura Sgrò. «Falso: lei sapeva tutto…», dice ora Cottone . «E sono io che continuo a vivere nell’incubo di questa vicenda che Valeria si ostina a voler spettacolarizzare».valeria-marini-giovanni-cottone

«L’annullamento è stato concordato da entrambi essendo emerso un imprevisto e inatteso vizio di forma relativo a un mio precedente vincolo peraltro noto a tutti», ha spiegato Cottone. Che non ci sta, è pronto a dare battaglia e per l’ex moglie usa parole di fuoco: «Cerca di ottenere vantaggi economici che sa non essere dovuti». La Marini, invece, dice di non avergli chiesto nulla e sostiene di aver voluto chiedere l’annullamento alla Sacra Rota, a maggio 2014, solo perché molto religiosa. Così da avere la possibilità, in futuro, di risposarsi in chiesa: «Sono stata ingannata in tutto, anche davanti a Dio! Sono stata ferita nel profondo dei miei valori di donna credente cattolica. La fede, nella mia vita, è sempre  stata un punto fondamentale. Ora, finalmente, ho avuto giustizia e sono serena; sono pronta a ricominciare. Dopo tante ingiustizie e falsità, ho ritrovato la serenità e la gioia di vivere con il sorriso». Valeria e Giovanni, per tutti Gianni, si sono conosciuti nel 2008, lui l’ha corteggiata a lungo e lei prima è diventata sua testimonial poi fidanzata e moglie. Ma secondo la Marini, dopo il sì pronunciato all’altare, Cottone è subito cambiato. All’improvviso, già dal giorno successivo. Allora sono iniziate le accuse incrociate e le voci di presunti debiti di lui e tradimenti di lei. E sempre secondo la ricostruzione della showgirl è proprio allora che lei ha scoperto che Cottone, in realtà, era già sposato. «L’ho saputo quasi subito dopo il matrimonio. Poi mi è stato confermato da una lettera anonima e sono andata a fondo nelle cose…». «Sapevo di un altro matrimonio civile, ma lui mi aveva detto di non essersi mai sposato in chiesa; mi ha nascosto questa e tante altre cose». Valeria ora, fra alti e bassi, fa coppia con l’immobiliarista napoletano Antonio Brosio. Mentre Cottone è felice con la brasiliana Dani Samvis. Lei potrà risposarsi in chiesa; lui, invece, sta già pensando a un sì in spiaggia a Rio de Janeiro. Ma intanto le loro vite sono destinate a incrociarsi ancora. In tribunale. L’annullamento della Sacra Rota è stato lampo, ma la guerra legale sarà lunga.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi