WhatsApp chiamate gratis: Con un clic si potrà parlare con uno dei 700 milioni di abbonati

Prepariamoci a cambiare il nostro vocabolario. Non diremo più «ti telefono per le ultime novità», ma «ti whatsappo» (da pronunciarsi uoz-zappo). WhatsApp, l’applicazione di messaggistica istantanea gratuita più diffusa al mondo (700 milioni di utenti), con la quale oggi si possono scambiare messaggi di testo, foto e video via Internet, diventa “vocale”. Potremo telefonare “gratis”.

È l’ultima rivoluzione per l’azienda che ha conquistato gli smartphone con oltre 27 miliardi di messaggi scambiati ogni giorno sul Web. Da qualche settimana i possessori di telefoni con sistema Android (ma presto sarà disponibile anche per iOS di Apple e via via per tutti gli altri) cliccando su un contatto della rubrica dell’app, vedranno comparire anche una cornetta del telefono: un clic e sei connesso in voce. Così Mark Zuckerberg, il fondatore di Facebook che nel febbraio 2014 scucì circa 16 miliardi di euro per comprarsi il gioiellino della telefonia, si appresta a diventare il re delle comunicazioni.

Ma non è così scontato. Perché se è vero che la telefonata è per il momento gratuita (l’abbonamento all’applicazione costa meno di un euro l’anno), per connettersi è indispensabile una linea 4G (la più veloce, ma anche la più cara). In più la telefonata “consuma” byte: un megabyte al minuto sia per chi chiama che per chi riceve. Altri errori segnalati dagli addetti ai lavori: se durante una chiamata WhatsApp ricevete una telefonata classica, la “whatsappata” diventa muta; mentre se camminando il vostro telefonino “passa” da una rete wifi (quella di casa o di un locale) alla rete cellulare del vostro operatore, la telefonata si interrompe. Insomma, bello, ma non troppo.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi