Video Highlights Parma-Juventus 1-0: Sintesi, gol e pagelle

PARMA  Mirante 6.5  Non sporca i guanti, anche perché usa i piedi per il miracolo su Coman al 44′ pt.  Mendes 6.5 Vita facile con Coman, nessun errore e tanta concentrazione. Santacroce 6 Marcare Llorente di questi tempi non è roba da medaglia al valore, ma in attacco la Juve combina poco, anche per la sua attenzione. Cassani (35′ st) ng Feddal 6.5 Salva quasi sulla linea il colpo di testa di Vidal. Sempre molto attento. Varela 6.5 Ottimo e abbondante nel lavoro di contenimento, discreto in fase offensiva. Mauri 7 Non è il bombazo di Tevez, ma il gol che rifila a Storari è un discreto siluro, che corona una partita vivace e aggressiva. Lila (36′ st) ng Jorquera 6.5 Tanta legna e buona organizzazione del gioco emiliano. Nocerino 6 Corre, taglia e cuce: la sua esperienza al servizio. Gobbi 6.5 Duella con Lichsteiner: limitando parecchio lo svizzero, limita molto anche la Juve. Belfodil 6.5 Se la mira fosse proporzionale alla corsa, sarebbe di gran lunga il migliore in campo. In compenso, sforna un assist delizioso per il gol di José Mauri. Prestia (40′ st) ng Ghezzal 5.5 Sciupa il miglior contropiede del Parma. Rissoso e impreciso. All. Donadoni 7  Allena l’orgoglio di un gruppo sballottato, riuscendo a infondergli ordine tattico e verve agonistica.

JUVENTUS Storari 6 Incolpevole sul gol, poche parate. Meno protetto di altre occasioni. Lichtsteiner 5 Anche i treni svizzeri, ogni tanto, sono in ritardo. Il suo binario è intasato da un Gobbi pimpante e lui non riesce a metterci la consueta energia. Zero cross, discese al rallentatore. Ogbonna 5.5 E’ alto il numero di passaggi sbagliati che mettono in crisi le ripartenze juventine, solitamente innescate da quella posizione, quando è occupata da Bonucci. In fase difensiva nessuna sbavatura, ma solo una certa apprensione. Chiellini 6 Solido, tiene in piedi la sua fetta di muro, evitando guai peggiori e ringhiando contro l’arrembante reparto offensivo del Parma. Le punte emiliane stanno alla larga da lui. Padoin 5.5 La buona volontà non può sempre bastare. A testa bassa nel primo tempo, calante nella ripresa, perde e riconquista palloni con frequenza esponenziale: tutta questa frenesia, però, non serve a costruire quasi nulla. Vidal 5 Un altro passo indietro. Non può bastare il colpo di testa per sfiorare il gol nel primo tempo, il resto della partita è un insipido corricchiare, senza trovare un varco per gli inserimenti, né la giusta convinzione nei contrasti (lui che era il re delle palle rubate) e senza azzeccare un numero sufficiente di passaggi. Marchisio 5.5 Mantiene l’ordine nella fase iniziale, correndo e mordendo su tutto il fronte. Poi gli cade la catena, non copre in occasione del gol di Mauri e non trova le energie per contribuire alla reazione. Sturaro 6 Piccoli Vidal crescono. Il ragazzo è spigoloso e non ha ancora i piedi del cileno (quello vero), ma si batte e trova il tempo giusto per l’inserimento. Deve migliorare, ma è sulla strada giusta. Pepe (23′ st) 5.5 Non aggiunge sapore al pastone insipido della ripresa bianconera. Pereyra 5.5 Come una lattina di Coca lasciata aperta: frizzante all’inizio, si sgasa via via, fino a diventare brodaglia. Morata (18′ st) 6 Un paio di velenosi dribbling che non stordiscono la difesa emiliana, anche perché predica nel deserto. Coman 5 Dovrebbe sbranare l’occasione che gli si presenta e invece pilucca calcio dal lato sinistro del fronte offensivo juventino, dimostrando pure un certo disagio tattico. Vitale (34′ st) ng Llorente 4.5 Un fantasma, anzi no, perché non riesce nemmeno a spaventare la difesa emiliana. Moscio e impreciso. All. Allegri 5.5 Grida fino a perdere la voce, senza riuscire a svegliare l’orgoglio di chi aveva un’occasione preziosa e l’ha buttata via stupidamente. ARBITRO Gervasoni 6 Ci poteva stare un rigore su Llorente. Gestisce comunque bene la gara, anche quando si fa nervosetta nel finale.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi