Ilaria D’Amico: “Per amore di Gigi avrei rinunciato anche al lavoro”

La giornalista di Sky definisce la storia col portiere della Juve «una scelta di cuore», «non professionale o strategica». E rivela: «Sono andata dal mio amministratore delegato e gli ho chiesto se poteva creare problemi». Altrimenti? «Si può sempre cambiare posto di lavoro!»

Lei da una parte dello schermo, lui dall’altra. Certo non  lascia indifferenti vedere in tv Ilaria D’Amico e Gigi Buffon, imperturbabili quando su Sky, dopo le partite della Juve, lei è la conduttrice e lui il portiere intervistato. Lo spettatore scruta i volti dei due fidanzati, analizza i silenzi, passa ai “raggi 1 X” ogni parola, prova a immaginare i pensieri di entrambi dietro le frasi di circostanza. E loro? «Con Gigi ci scherziamo sopra… Ovvio che ci siamo posti il problema e ne abbiamo parlato», ha spiegato Ilaria. «Difficile da credere, ma quando arriva ai microfoni io riesco a vedere dall’altra parte un giocatore di calcio e basta». Difficile da credere, già. Eppure Ilaria assicura che a casa non parlano neanche di calcio: «Per non creare  conflitti… Non conosco alcun segreto della Juve». L’amore con Buffon, per la D’Amico, è «una scelta di cuore, non professionaie o strategia». E ha anche spiegato a la Repubblica che cosa è successo sul lavoro, a Sky, quando è esplosa la storia d’amore e Buffon ha detto addio alla moglie Alena Seredova, madre dei suoi figli. «Una volta fatta la scelta sono andata dal mio amministratore delegato e gli ho chiesto se potevo creare problemi. Lui mi ha semplicemente detto che non c’era alcun problema». E se così non fosse stato? «Se si creano problemi nella vita si può sempre cambiar posto di lavoro», risponde Ilaria. Una grande dichiarazione di amore e fedeltà. D’altra parte la loro storia ha ormai superato il traguardo del primo anno e anche la “prova” della famiglia allargata:  ha raccontato in esclusiva l’’incontro fra Ilaria (mamma di Pietro, 5, avuto dall’ex Rocco Attisani) e i figli di Gigi e Alena Seredova, Louis Thomas, 7 anni, e David Lee, 5. E ora ecco, in queste immagini, un inedito Gigi in versione papà-allenatore mentre accompagna il figlio più grande alla scuola calcio della sua Juventus dove tutti i “pulcini” prendono d’assalto il campione.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi