Anna Tatangelo: Il suo debutto in Tv è stato un grande flop

Per godersi il suo debutto nelle vesti di conduttrice televisiva Anna Tatangelo ha un’idea simpatica. Organizza un gruppo di ascolto a casa sua: una decina di amici, invitati a guardare con lei la prima puntata di About love, tra specialità napoletane e qualche buon bicchiere di vino. Peccato che all’indomani il risveglio sia stato traumatico: il nuovo programma di Italia 1, nato da un’idea di Federico Moccia per raccontare l’amore attraverso le vere storie delle persone comuni, aveva ottenuto solo 749 mila spettatori e un misero 2,94 per cento di ascolti. Troppo poco per Mediaset, che decide di sospendere immediatamente la trasmissione. E sui social qualcuno ha subito preso la palla al balzo per far notare che, in sostanza, il grosso degli spettatori la Tatangelo lo aveva già riunito nel… suo salotto di casa.

Una delusione che conferma il difficile rapporto dell’artista di Sora con il mezzo televisivo. Già una volta, nel 2008, quando al Festival di Sanremo a-veva gridato ai quattro venti il suo amore per Gigi D’Alessio,

Anna si era beccata una bordata di sonori fischi, segno che il pubblico la preferisce di gran lunga nelle vesti di cantante. Stavolta, però, la sua gara non potrà continuare, come accaduto sul palco dell’Ariston. Al posto del suo programma nei prossimi lunedì Italia 1 manderà in onda una serie di film.

Un epilogo inatteso, che va ad aggiungersi alla lista di imprevisti che la Tatangelo e il suo compagno,Gigi D’Alessio si ritrovano ad affrontare in questo delicato momento. Al flop di lei fanno compagnia le beghe giudiziarie di lui. In un’intervista a un quotidiano, Gigi ha provato a chiarire le brutte vicende in cui è coinvolto. A partire dalla storia delle rate non pagate per l’acquisto, nel 2007, di una lussuosa automobile: una Mercedes McLaren coupé del valore di circa 500 mila euro, che il cantante avrebbe comprato solo per fare un favore a un amico, con l’accordo di rivenderla subito a una terza persona. I problemi sorgono nel 2013, quando D’Alessio, che aveva versato una parte in contante e rateizzato la somma restante, interrompe il pagamento alla finanziaria con la quale aveva stipulato un contratto da 4.500 euro mensili e maxi rata finale di 276 mila euro. A sua discolpa l’artista napoletano ha detto di sentirsi vittima di un raggiro operato da un broker per | automobili di lusso di Oristano, Marco Palumbo, che gli sarebbe stato presentato dall’ex ironista di Uomini e donne Costantino Vitagliano. Ma intanto il giudice civile ha riconosciuto in prima udienza il credito della finanziaria, che quindi può già rivalersi sul suo patrimonio.

Una grana che il re dei neomelodici si augura di risolvere in fretta, ma che non è l’unica con cui deve fare i conti. Dopo essere stato condannato a nove mesi per lesioni aggravate ai danni di due paparazzi, infatti, in questi giorni i magistrati romani hanno ravvisato un altro reato nell’ambito di quello stesso episodio: la rapina. I fatti risalgono al 2007, quando D’Alessio tolse con violenza dalle mani di due reporter, appostati fuori dalla sua villa romana, le macchine fotografiche contenenti gli scatti. Gigi ha ammesso di aver sbagliato ad alzare le mani, ma le scuse fatte non sono bastate: il pubblico ministero ha chiesto il suo rinvio a giudizio. Per la coppia d’oro della musica italiana il periodo non è dei migliori. Lo supereranno con la forza dell’amore o le disgrazie prenderanno il sopravvento nella vita di coppia?

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi