Guerrina Piscaglia, sono in molti ad averla vista avviarsi fuori dal paese

image

Guerrina Piscaglia scompare da Ca’ Raffaello il primo maggio di un anno fa. Secondo la Procura è stata uccisa dal suo amico del cuore e confessore padre Graziano, oggi in arresto. Precisa per l’accusa l’ora della morte: tra le 13.46 (l’ora dell’ultima breve telefonata del frate) e le 14.34 (quando una parrocchiana lo incontra).

L’avvocato del sacerdote, Luca Fanfara, ha presentato ricorso al tribunale del Riesame per chiederne la scarcerazione. Ricostruendo quel pomeriggio qualcosa non torna. È il marito Mirco a raccontare ai microfoni di Quarto Grado gli ultimi istanti con la moglie: la donna riceve un sms da padre Graziano e poi esce di casa ben pettinata e truccata. «Ero davanti a casa a lavare la macchina quando è uscita e mi ha detto di non bagnarmi». Le ultime parole di Guerrina sono state di premura verso Mirco. Lui stava lavando proprio l’auto del frate. E, una volta finito il lavoro, avrebbe dovuto riportargliela, come da accordi, in canonica. Alle 14.20, il sacerdote congolese chiama Mirco ma trova il suo cellulare spento.

Cosa voleva dirgli? Perché, se si trovava a pochi passi dalla casa dei coniugi, non è andato direttamente lì a parlargli? Mirco dice di non aver visto nessuno: «No, no, qui non è venuto nessuno». Ma è una testimone a collocare, con certezza, Graziano lì, 4 minuti dopo quel tentativo fallito di chiamata. La signora Loretta, agli inquirenti e ai nostri microfoni, ripete sempre la stessa versione. È certa di aver parlato con Graziano: «Abbiamo conversato per circa 10 minuti, dopo di che io sono andata via e ho ricostruito bene che erano le 14.34 perché nel frattempo mi è arrivato un messaggio».

A confermare questo racconto è la signora Maria Rosa: «Verso le ore 14.20 -14.25 dalla finestra di casa, ho notato padre Graziano a piedi che parlava con Loretta, che invece era in macchina. I due si trovavano sulla strada per Miratoio più vicino all’incrocio con la Marecchiese che alla casa di Mirco e Guerrina». Ma dove è andata Guerrina dopo aver salutato Mirco? Sono in molti ad averla vista avviarsi fuori dal paese. Come il signor Gino, un vicino di casa, che racconta di averla incrociata alle 13.45 circa: «Posso dire che uscendo di casa ho visto Mirco lavare la macchina e allontanandomi ho notato Guerrina sulla Marecchiese direzione Rimini, Ecco alcuni passaggi degli interrogatori ritenuti tra i più significativi dagli inquirenti: «Posso collocare l’avvistamento tra le 14,15 e le 14,30» dice un uomo. «L’avvistamento è avvenuto all’altezza dei bidoni della spazzatura fuori del centro abitato di Ca’ Raffaello. La donna era sola, l’ora in cui è avvenuto questo avvistamento è fra le ore 14.30 e le ore 14.45 circa», spiega una donna. «Fra le ore 14.00 e le ore 15.00, notavo camminare a piedi Guerrina, in direzione Rimini», fa mettere a verbale un’altra donna. I compaesani di Guerrina, insomma, dicono di averla vista quel pomeriggio, in orari ravvicinati, ma in punti diversi e lontani della statale Marecchiese. Non solo: in quei momenti, per la Procura, la mamma di Ca’ Raffaello sarebbe già dovuta essere morta. Come è possibile?

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi