Francesco Totti e Ilary Blasi festeggiano la prima Comunione dei loro figli

Dieci anni fa, di questi tempi (era il 19 giugno 2005), Francesco Totti sposava Ilary Blasi all’Ara Coeli. In occasione di questo importante anniversario la coppia ha deciso di rinnovare le promesse d’amore ma, questa volta, alla presenza dei figli. Le prove generali di questa festa sono state la Prima Comunione di Cristian e Chanel, che frequentano la scuola americana e ha celebrato insieme il Sacramento. Una giornata speciale in cui Francesco e Ilary hanno potuto rispecchiarsi nei loro bambini. Perché, va detto, i piccoli Totti sono la fotocopia dei genitori: hanno gli stessi colori, la stessa pettinatura, lo stesso stile. E, per l’occasione, erano anche vestiti come loro.

Che i figli assomiglino a chi li ha messi al mondo non è una novità, ma nel caso dei Totti si esagera. Prendete Cristian: biondo come il padre, sguardo furbo, gioca nelle giovanili della Roma ed è un piccolo talento. Totti, è orgogliosissimo di lui. Quando era ancora piccolo, ci disse: «Devo ammettere che a Cristian piace il pallone, se provi a portarglielo via piange. Mi sembra un buon segno!». Ilary è un po’ più prudente, sa che il cognome Totti è pesante. «Vorrei che nostro figlio prendesse da noi il gene della felicità più che quello del calcio», ci ha confessato. Chanel, qa va sans dire, ha preso molto dalla mamma: quel sorriso accennato, quella timidezza che nasconde una forte personalità. E così, in un gioco di rimandi, i Totti hanno evidenziato le somiglianze con i figli.

Per essere presente alla cerimonia il capitano della Roma, che era in ritiro “punitivo” con la squadra in vista della sfida contro l’Udinese, ha preso qualche ora di permesso. Poter conciliare la famiglia con il lavoro, del resto, è uno dei segreti della sua longevità calcistica. Totti ha ancora un anno di contratto “sul campo”, ma è pronto per lui un posto come dirigente della Roma. E il suo sogno, come nelle grandi dinastie del calcio, vedi i Maldini, è quello di passare la fascia di capitano proprio a Cristian. Dopo la Comunione Totti ha portato la famiglia a festeggiare da Checco allo scapicollo. Perché, anche se la Roma è finita in mani yankee, Totti non è uno che vuole fare l’americano. Il suo sogno, e quello di Ilary, è che i figli restino semplici e prendano dai genitori non la fama e il successo, ma un piccolo segreto. «La felicità è una luce che hai dentro, o brilli o non brilli. È questa luce che vorrei trasmettere ai miei figli». Parola di Ilary.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi