Amici 2015, Cristian esce dal programma ma ritrova l’amore con Veronica

Quasi se lo sentiva che sarebbe uscito lui. Cristian Lo Presti, il ballerino cata-nese già allievo di Amici 13 (aveva dovuto abbandonare a causa di un grave infortunio) e quinto eliminato del serale della nuova edizione del programma, ha però affrontato la sconfitta con il sorriso sereno di una persona che sa di aver dato il meglio di sé, mettendo nel talent show di Canale 5 grinta e impegno, cuore e passione. E con lo stesso sorriso stampato sul volto ha abbracciato e salutato la sua Virginia, la ballerina della squadra blu con la quale ha un legame speciale da quasi tre anni. «La nostra è una storia piena di sentimento e di emozione, ma anche un po’ travagliata», racconta l’ex allievo a Nuovo.

Il ragazzo ha sofferto quando ha visto la ballerina concentrata su un altro allievo, il cantante Gabriele Tufi. Un interesse, quello di lei, scemato, tanto che in poco tempo la To-marchio è tornata sui suoi passi, rendendosi conto di amare Cristian più di prima. E lo ha dimostrato con le sue lacrime la sera in cui il ballerino è stato eliminato dal programma.

«Eravamo già andati in crisi una volta»

Cristian, sei davvero intenzionato ad aspettare Virginia, che è ancora in gara e quindi chiusa nella scuola, come le hai promesso prima di uscire dal talent?

«Sì. La nostra storia è ancora aperta e sicuramente non si chiude qui. Posso dire che la amo tanto e che, quando uscirà anche lei, dovremo parlarci intensamente e stare un po’ insieme per chiarire il nostro legame. Come andrà, andrà».

Ricapitoliamo: come è cominciata la vostra storia?

«Frequentavamo la stessa scuola a Catania, lo avevo 17 anni e fino ad allora ero un a-dolescente come tutti gli altri: pensavo solo a ballare, agli a-mici e alle ragazze. Invece, quando l’ho incontrata, sono cambiato. Da quel momento ho sempre voluto lei e fatto in modo di averla accanto. A Roma abbiamo condiviso la stessa casa e i momenti belli come quelli più difficili».

Hai detto che avete lottato tanto per stare insieme…

«Sì, dopo aver abbandonato la scorsa edizione di Amici mi sono allontanato pure da Virginia, perché ero demoralizzato a causa della mia salute: una distorsione alla caviglia prima e la frattura del quinto metatarso poi hanno significato per me un mese e mezzo con gesso, uno con le stampelle e quindi due di fisiotera pia. Nel momento in cui mi sembrava di essermi ripreso, è arrivata una forte tendinite a complicare le cose: non potevo ballare, vedevo tutto nero, volevo lasciare la danza e, per un periodo, sono tornato a casa mia. Non mi andava di vedere nessuno. Però Virginia è stata brava, perché ha continuato a cercarmi e a spronarmi. Dopo due mesi siamo tornati insieme, più uniti di prima. Devo ringraziare lei e la mia famiglia, che mi è stata altrettanto vicino».

Quest’anno, però, la vicinanza tra Virginia e Gabriele vi ha messo ancora una volta in crisi…

«Certo, non mi ha fatto piacere vederla presa da un altro ragazzo o scambiarsi messag-gini con lui. Per fortuna, so che non mi ha tradito. Ci siamo riavvicinati e questo lascia aperte tante possibilità».

«Ci unisce la stessa passione»

Vuoi dire che quando Virginia uscirà da Amici tornerete a vivere insieme?

«E presto per dirlo, vedremo. Siamo molto giovani e ho anche voglia di girare il mondo, di fare stage all’estero con artisti di tante culture diverse. Voglio vedere com’è la danza altrove. Non posso fermarmi a Catania o a Roma e spero di spostarmi il più possibile».

Non hai paura di allontanarti dal tuo amore?

«No, perché Virginia è una ballerina come me, è piena di talento, forte, determinata e innamorata del suo mestiere. Se, quando uscirà, riprenderemo in mano la nostra storia, non sarà questo il problema. Troveremo il modo di stare insieme lo stesso: la passione per la danza ci unisce». È vero che le hai regalato un braccia-letto portafortuna prima di uscire e che tu porti sempre con te una sua lettera?

«Sì. Gliel’ho regalato perché volevo che lei sentisse la mia forza e la mia presenza ora che non sono più in trasmissione, per farle capire che sono lì con il mio cuore. La lettera Virginia me l’ha scritta per farsi perdonare dopo tutto quello che era successo con Gabriele. La tengo in tasca, me la ricorda in ogni momento».

Come hai vissuto la tua eliminazione? Te l’aspettavi?

«Non so il motivo ma ho a-vuto il presentimento che sarei stato eliminato. Non perché pensassi di valere meno degli altri, però. Anzi, in quella settimana mi sono impegnato con tutto me stesso e ho dato il massimo. Sono sereno, anche se mi dispiace aver dovuto salutare Emma, la mia coach, i professori, Giuliano Peparini, Maria e tutti i miei amici. Certo, è andata come è andata, ma sono molto fiero di me perché non mi sono mai adagiato sugli allori. Ora riprendo da dove ho lasciato: ricomincio a studiare e a lavorare. Ma dico grazie ad Amici e alla possibilità che mi ha dato di conoscere tanti artisti speciali».

«Maria è stata una mamma per me»

A proposito di artisti speciali: è vero che devi molto al direttore artistico, Giuliano Peparini?

«Sì, perché mi è stato sempre accanto, cercando di fare uscire il meglio di me. Mi ha fatto capire ancora di più quanto la danza sia sacrificio e passione, determinazione e perfezione. Una volta mi ha corretto un movimento della testa per quindici volte, finché non sono riuscito a farlo come doveva essere: non si smette mai di imparare, anche quando si tratta di piccole cose…».

A Emma Marrone invece che cosa vorresti dire?

«E stata spettacolare e non rimpiango di averla scelta come coach. E riuscita a far e-mergere quel lato del mio carattere che forse era più nascosto: mi ha fatto diventare più sicuro di me, mi ha spronato e mi ha fatto tirare fuori gli attributi. Proprio quello che cercavo e che volevo da lei».

Anche la De Filippi ti è stata vicino in modo speciale quando eri giù per la storia di Virginia e Gabriele..,

«Sì, mi ha dato tanti consigli. Maria è ,un po’ come una mamma, oltre .a essere una professionista seria che sa fare al meglio il suo mestiere. E presente in ogni circostanza e tira su il morale di tutti».

Ora che sei fuori dalla gara, per chi fai il tifo?

«Per l’artista migliore. E ad Amici ce ne sono tanti. Spero nella vittoria di Virginia, perché è molto forte, ma ci sono anche The Kolors, Klaudia, Mattia. E poi Valentina, Luca e Giorgio… Sono tutti bravi».

Il desiderio più grande?

«Diventare un artista in grado di emozionare sempre chi mi guarda. Se poi arriverà anche il successo, tanto meglio. E spero di potermi esibire in un bel musical. Magari in una delle opere di Peparini, che per me sono le migliori».

Un’ultima curiosità: ci spieghi il tatuaggio che hai sull’avambraccio sinistro?

«È la riproduzione di una traccia audio di una frase che io e le mie due sorelle abbiamo registrato. L’abbiamo tatuata tutti e tre. Ma la frase è un segreto, non la conosce nessuno, neanche i nostri genitori. Però ci rappresenta bene».

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi