Lazio-Roma Rojadirecta in Streaming e Diretta Tv Live

lazio-roma-diretta-serie-a

DIRETTA LAZIO-ROMA STREAMING LIVE WEB TV ORE 15 – Tutto pronto all’Olimpico di Roma per il derby capitolino tra i giallorossi di Spalletti e i biancocelesti di Inzaghi. Oggi alle ore 15 avrà inizio Lazio-Roma che si preannuncia una gara tutta da vivere per le emozioni che ci riserverà. Una Lazio che vuole i tre punti per sorpassare i cugini in classifica ma dall’altra parte una Roma che vorrà mantenere saldo il secondo posto e continuare a sognare lo scudetto e inseguire la Juve. Un Derby che sarà trasmesso da Mediaset Premium HD e Sky Sport HD dove tutti i tifosi della Roma e della Lazio potranno seguire in anteprima. Anche il Milan oggi contro il Crotone avrà un compito facile sulla carta per mantenere il secondo posto affiancando i giallorossi in classifica. C’è Pescara-Cagliari con inizio alle 15 e in contemporanea tutti gli altri match della Serie A con Sampdoria-Torino Sassuolo-Empoli e infine Fiorentina-Palermo posticipo serale. Tutte le gare potrete seguirle in tempo reale qui su questa pagina con i risultati live. La sconfitta per 0:4 ha coinciso con la peggior partita disputata dal Crotone in questa stagione. Milan ha chiuso col risultato di 4:1 contro Empoli nell’ultimo scontro. Il miglior marcatore del Milan è Carlos Bacca con 6 gol. Edin Dzeko del Roma mette un’altra tacca, con questo sono 12 gol! Lazio non perde da 9 partite. Ciro Immobile è il bomber del Lazio con 9 gol messi a segno fino ad ora. Cagliari ha perso in trasferta 6 volte in questa stagione. Ecco i gol fatti e subiti dal Pescara ad oggi: 11:26. Torino ha già vinto 5 volte giocando in casa in questa stagione. Luis Muriel è il bomber del Sampdoria con 6 gol messi a segno fino ad ora.1:4 – è il risultato dell’ultima partita del Empoli contro Milan. 3, questo è il numero di volte che Sassuolo ha perso in casa questa stagione, mentre 5 sono le sconfitte in trasferta. Palermo non sente il sapore della vittoria da ben 9 partite. Nikola Kalinic ha già segnato 6 gol e per ora è il capocannoniere del Fiorentina in questa competizione. 8:27 – questi i gol segnati e subiti dal Amburgo. C’è sicuramente qualcosa da rivedere in difesa. Darmstadt ha una striscia di 4 sconfitte consecutive. Francoforte non perde da 6 partite. Il risultato più ricorrente della stagione del Augusta è 0:0. 3 delle loro partite sono terminate con questo risultato. L’ultimo incontro disputato dal Bournemouth è stato contro Arsenal, finì 1:3. Liverpool non potrà avvalersi di alcuni giocatori per questa partita: Adam Bogdan (Infortunio al Ginocchio), Philippe Coutinho (Infortunio alla Caviglia), Adam Lallana (Infortunio all’Inguine), Danny Ings (Infortunio al Ginocchio), Sheyi Ojo (Infortunato). Sadio Mane è il nemico numero uno delle difese! Ha già segnato 6 gol ed è ovviamente il capocannoniere del Liverpool. Manchester Utd è imbattuto da 4 partite. Everton non riesce ad imporsi sugli avversari da 3 partite. Romelu Lukaku ha già segnato 7 gol e per ora è il capocannoniere del Everton in questa competizione. Il miglior marcatore del Celta Vigo è Iago Aspas con 7 gol. Betis ha fatto in tutto 14 punti in 13 partite finora. Eibar non pareggia da 4 partite consecutive. Aritz Aduriz ha già segnato 5 gol e per ora è il capocannoniere del Ath. Bilbao in questa competizione. Kevin-Prince Boateng del Las Palmas mette un’altra tacca, con questo sono 5 gol! Al momento Fernando Pacheco è il giocatore che ha il minutaggio maggiore (1170) del Alaves. 12:26 – questi i gol segnati e subiti dal Osasuna. C’è sicuramente qualcosa da rivedere in difesa. Gijon non riesce ad imporsi sugli avversari da 10 partite. Malaga farà di tutto per mantenere l’imbattibilità che dura da 3 partite.
Nani ha effettuato il maggior numero di assist (4) per Valencia in questa stagione.

Lazio-Roma streaming gratis per gli abbonati di Sky con SkyGo e di Mediaset con Premium Play: per iPhone, iPad, Android o Samsung Apps, con video, highlights, rubriche ed approfondimenti da seguire con il vostro pc o Mac e ovviamente con il vostro smartphone e tablet. Confermata anche la programmazione in diretta audiovideo live di Lazio vs Roma sul palinsesto di Rojadirecta ITA.

ROMA  Un pareggio potrebbe rendere tutti felici. La Roma in primis, che poi avrebbe domenica la possibilità di confermare contro un Palermo senza obiettivi il secondo posto in classifica e l’accesso diretto alla Champions. Ma con un pari anche la Lazio sarebbe sicura di accedere ai preliminari, evitando (in caso di sconfitta) di rimettere in gioco il Napoli. Se anche i bookmakers la pensano così (quota pareggio crollata da 3.30 a 2.45), guai a dirlo ai diretti interessati.

Pioli impiega un secondo per rimandare l’allusione al mittente: «Noi giochiamo assolutamente per vincere. Vogliamo arrivare al massimo in questo campionato, quindi il derby sarà fondamentale. Quando cominci a fare calcoli, cominci ad avere più rischi. Ho grande fiducia: mercoledì, contro la Juventus, potevamo essere più determinati e più fortunati, ma se giocheremo così avremo tante possibilità di vincere». Garcia lo sorpassa a destra, trovando anche il modo di stuzzicarlo: «La favorita? Certamente la Lazio.

Molti, forse tutti, dicono che è la più forte, che noi siamo scarsi, che loro giocano il più bel calcio d’Italia e che hanno già vinto… Il fatto che si dica che la Lazio ha già vinto ci darà ancora più forza per dimostrare che la Roma è la squadra più forte. Noi giochiamo solamente per vincere. Vedremo martedì come andrà a finire». Un errore cercato e voluto. Perché inevitabile arriva la correzione dalla platea («Lunedì, mister») che gli permette di affondare il primo colpo alla rivale: «Ah, non l’hanno spostata di nuovo visto che hanno giocato centoventi minuti in Coppa Italia?».

L’avvicinamento al derby dei due allenatori è diverso. Pioli si mostra più tranquillo: «Per vincere un derby serve tutto: la tecnica per giocare la miglior partita possibile, la compattezza, e lo spirito che la squadra ha sempre messo in campo.

Le partite perfette non esistono: dobbiamo stare dentro la partita da subito, attaccando e difendendo da squadra. Non siamo mai stati presuntuosi contro nessuno e non lo saremo contro un avversario di qualità. Ci siamo preparati con grande meticolosità, conoscendo i punti forti e i punti deboli dell’avversario. Alla fine arriverà secondo chi più lo avrà meritato: le classifiche dopo 38 giornate non sono mai bugiarde.

Abbiamo la possibilità di superare la Roma, vogliamo sfruttarla». Garcia, invece, non perde occasione per lanciare frecciate alla Lazio: «Il campo è l’unico posto da cui arrivano le dimostrazioni. Si fronteggeranno due formazioni di alto livello e ci sarà l’arbitro migliore d’Italia. E’ un bene perché ricordo che la Lazio ha vinto l’ultima partita grazie ad un gol irregolare, dopo aver pianto per come aveva perso con l’Inter. Come si dice? Che vinca il migliore: ecco, dobbiamo dimostrare di essere noi».

Appare quasi infastidito che la stagione della Lazio abbia messo in discussione la supremazia cittadina. Ora, dopo aver abbandonato la corsa-scudetto a febbraio ed esser scivolato a -19 dalla Juventus, non aver superato il primo turno in Champions, esser stato eliminato immediatamente sia dall’Europa League che dalla Coppa Italia, Rudi ha questo derby per rimettere almeno «la chiesa al centro del villaggio».

Per questo motivo, dall’alto della possibilità di poter giocare su due risultati, ostenta sicurezza e tranquillità (apparente): «Lo ribadisco, giocheremo per vincere, senza calcoli. C’è la possibilità di non avere bisogno dell’ultima partita in casa con il Palermo per arrivare secondi, è una chance fantastica». Da saper, Lazio permettendo, cogliere al volo.

ROMA  Due squadre che fanno della ripartenza la loro arma in più. Sembra un paradosso, ma il derby lo vincerà chi saprà attendere il momento giusto. Rispetto al 2-2 dell’andata, la Lazio non ha mai cambiato idea: «Dobbiamo giocare come abbiamo sempre fatto, attenti a concretizzare le occasioni che ci si presenteranno», si dice convinto Pioli.

Al contrario, da quella partita in poi i giallorossi hanno saputo fare punti soprattutto con le squadre che si aprono e lasciano spazi: a Sassuolo, con il Genoa e l’Udinese. Ma quando trova chi si chiude, la Roma va in apnea, orfana di quel gioco corale che l’aveva contraddistinta la scorsa stagione. La Lazio dovrà dunque resistere alla tentazione di aprirsi.

L’altro paradosso è che i giallorossi, che andrebbero a nozze con il pareggio, potrebbero allo stesso modo invitare i cugini ad attaccare. Riuscirà Pioli a rinnegare la sua idea? Senza Radu, infortunato, oggi difficilmente il tecnico biancoceleste riproporrà la difesa a tre vista con la Juve. Il modulo più probabile resta il 4-2-3-1, che è nato proprio come mossa tattica per sorprendere la Roma a centrocampo nel derby d’andata.

Da quel momento la Lazio lo ha fatto suo, tanto che oggi Pioli ricorda: «Anche il derby di andata ci ha insegnato qualcosa, ci servirà per migliorare». E da quella partita l’unica cosa da migliorare è stata il secondo tempo. Molto dipenderà dalle condizioni di Biglia: se, come sembra, ce la farà a recuperare, al fianco di Parolo ci sarebbe un altro portatore di palla con un vantaggio non da poco sul fronte del possesso, che all’andata fu appannaggio dei giallorossi.

Il tecnico francese, consapevole (nonostante le dichiarazioni della vigilia, volte soprattutto a stuzzicare il rivale) che la Lazio al momento ha una marcia in più (fisica, d’entusiasmo e tattica), punta sulle motivazioni. La sorpresa tattica potrebbe essere l’impiego del tuttofare Florenzi nel tridente offensivo con Torosidis e Holebas a coprire le corsie esterne difensive. Proprio l’impiego in avanti del nazionale azzurro, permetterebbe di coprire le avanzate di uno tra Basta e Lulic (impiegato al posto di Radu) e aiutare il terzino greco nei raddoppi su Anderson o Candreva.

Per il resto, spazio alla solita mediana (Nainggolan-De Rossi-Pjanic) con Astori favorito su Yanga Mbiwa e un 4-3-3 (o 4-2-3-1) di partenza pronto a trasformarsi in fase difensiva in un 4-5-1 o addirittura in un 4-1-4-1. Tornando alla Lazio, se in difesa ha un Gentiletti in più al fianco di de Vrij, l’idea di Pioli è presentare Mauri (uomo derby per eccellenza) tra Candreva e Anderson, con Klose favorito su Djordjevic in attacco. L’alternativa è schierarsi a specchio con i rivali, lasciar fuori Mauri ed inserire un Cataldi in più. Il tempo delle parole e delle pre-tattiche è comunque finito: parola al campo.

Redazione

Un pensiero su “Lazio-Roma Rojadirecta in Streaming e Diretta Tv Live

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi