Rojadirecta Verona-Juventus Streaming in Diretta Live Tv

Insegnavano i latini che la fortuna aiuta gli audaci. Massimiliano Allegri lo è stato fin dal primo giorno in bianconero, quando ha ignorato uova e insulti perché sapeva che alla fine avrebbe parlato il campo. «Per vincere la Champions League dobbiamo fare una grande partita e sperare di avere buona sorte», ha detto nell’ultima conferenza da Vinovo, dopo un commosso ricordo dell’Heysel.

Eppure alla vigilia della prima di campionato i segnali non erano incoraggianti: Allegri andò a Verona per affrontare il Chievo con attacco e difesa decimati. Dopo pali e traverse, arrivò l’autogol dell’1-0 Juve. Perché la fortuna aiuta gli audaci. Vincere con leggerezza si può, basta creare le condizioni ambientali giuste. È quello che Allegri vuole fare anche per la Champions. Mentre il Barcellona si logora tra il futuro di Luis Enrique e il mancato rinnovo di Dani Alves, in casa Juve il sorriso di Allegri dice tutto.

«Il nostro entusiasmo è normale, una stagione come questa è difficilmente ripetibile. Non abbiamo vantaggi, però dobbiamo essere consapevoli di avere grandi chance. Non dobbiamo avere l’ansia di affrontare Messi o Neymar. Sono grandissimi, ma se siamo arrivati in finale significa che abbiamo altrettante qualità, anche se con altre caratteristiche. L’adrenalina e l’entusiasmo non devono diventare un limite ma la nostra forza. Pensare alla finale 24 ore su 24 è controproducente». Anche per questo Max darà ai giocatori un altro giorno di libertà dopo Vero.

ULTIMA PROVA Nove mesi fa Allegri debuttò a Verona. Oggi al Bentegodi farà una prova generale di Champions. Dentro Buffon, Tevez, Pogba, Pinta. Marchisio, Vidal, Bonucci,

Evra, fuori Chiellini (inutile correre rischi dopo l’infortunio di Barzagli) e Llorente che potrebbe sostituire Morata. «Alcuni sono stanchi, in più devo tener conto dei diffidati, che in caso di ammonizione salteranno la Super-coppa». Anche per questo Chiellini, Sturaro e Pereyra dovrebbero essere risparmiati. Intanto da oggi all’asta su CharityStars le tshirt con il #fiuuu (l’hashtag che spopolò dopo il 3-2 al-l’Olympiaeos), autografate da Allegri. Il ricavato andrà all’associazione Charity Mr.Allegri On Field.

«I l rinnovo di Toni? E’ solo una formalità. Luca è fondamentale per noi e non dovrebbero esserci problemi. Durata annuale? Siamo disposti anche a farlo mese per mese, dipende solo da lui». Il matrimonio fra l’highlander del gol e la società di via Belgio è destinato a proseguire. Parola di Maurizio Setti. Il presidente dell’Hellas Verona, ospite a Calciomarket su GazzettaTv, in vista del match contro la Juventus non ha nascosto l’ambizione di fare uno scherzetto ai Campioni d’Italia, aiutando così il numero nove a conquistare il trono dei goleador: «Gli auguro di vincere la classifica marcatori. Anche Tevez e Icardi scenderanno in campo, ma al 95% sono convinto che riuscirà a centrare questo grande obiettivo. Ero simpatizzante juventino, ma ora tifo Hellas. Mi piacerebbe vincere con tanti gol proprio per Toni, ma mi accontenterei di un 1-0 al novantesimo».

GRANDI MANOVRE Dopo l’addio di Sean Sogliano in casa gialloblù sono iniziate le grandi manovre. Come direttore sportivo è in arrivo Riccardo Bigon, che firmerà un biennale con opzione per il terzo anno: «Ci sono già state delle chiacchierate e potrebbe arrivare». Mercoledì prossimo il summit con il tecnico Andrea Mandorlini per siglare l’intesa biennale sul rinnovo: «Ci incontreremo per capire se i piani sul futuro sono i medesimi e continuare insieme. Intesa al ribasso (400mila euro a stagione)? Faremo questi discorsi nelle sedi opportune». Anche per il direttore generale Gardini si va verso il prolungamento sino al 2017: «Dovrebbe restare».

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi