Apple Music, i modi per condividere la musica

SAN FRANCISCO, l’otto giugno scorso l’Apple ha svelato Apple Music, un’app intuitiva che racchiude in un unico luogo i migliori modi per vivere la musica. La società di Cupertino si appresta a sfidare Spotify, Google, Deezer e gli altri “network” musicali.

Ma dove sta la novità di Apple Music? Quali sono le differenze con i competitor e quale potrebbe essere il suo valore aggiunto? L’Apple non continene il proprio entusiasmo e dice che Apple Music “è un rivoluzionario servizio di streaming musicale, una pionieristica stazione radio live internazionale Apple che trasmette 24 ore su 24 e un modo nuovo e straordinario per gli appassionati di musica di restare in contatto con i loro artisti preferiti”. In verità, Tim Cooke e partners non si sbagliano molto, anche se i toni enfatici sono forse esagerati.

Apple Music unisce un’ampia ed eterogenea raccolta di musica al mondo all’esperienza di esperti musicali di livello internazionale, che hanno programmato playlist per iPhone, iPad, iPod touch, Mac, PC, Apple TV e telefoni Android.

Se Spotify è un gande contenitore, diviso ottimamente per generi, artisti e hit, Apple Music si spinge oltre, creando una vera stazione radio e delel playlist su misura, non frutto solo di un algoritmo. Il servizio che è disponibile a partire dal 30 giugno in oltre 100 Paesi riuscirà davvero a superare l’efficienza e la piacevolezza di Spotify? “Amiamo la musica e il nuovo servizio Apple Music mette a disposizione di tutti gli appassionati un’esperienza incredibile,” ha dichiarato Eddy Cue, Senior Vice President Internet Software and Services di Apple. “Tutti i modi in cui le persone amano ascoltare la musica sono riuniti in un’unica app, che è al contempo un rivoluzionario servizio di streaming, una radio live internazionale e un modo straordinario per restare in contatto con gli artisti.” “Apple Music sarà una vera rivoluzione per gli appassionati di musica e gli artisti,” ha affermato Jimmy lovine.

“La musica online è diventata un complicato insieme di app, servizi e siti web. Apple Music riunisce tutte le funzioni migliori per un’esperienza che tutti gli amanti della musica apprezzeranno.”

Proprio Jimmy lovine, produttore discografico statunitense che cominciò lavorando al sound di Lennon e Springsteen per poi passare agli U2, Tom Petty & The Heartbreakers, Stevie Nicks, Simple Minds, Dire Straits e Patti Smith, è uno di quelli che ha messo la faccia sul progetto per renderlo credibile anche ai veri appassionati di musica. Lui è uno dei creatori di Beats, l’azienda comprata da Apple l’anno scorso per 3 miliardi di dollari, un’autorità nel suo campo.

Apple Music in sostanza riunisce tre cose insieme. Consente di scegliere e ascoltare fra le 30 milioni di canzoni presenti su iTunes, una radio globale Beats  che funziona 24 ore al giorno per 7 giorni e trasmette da Los Angeles, New York e Londra (con playlist create dagli artisti) e una nuova e potente interazione tra i fan e gli artisti grazie al servizio Connect (se pensate a Ping riveduto e corretto non vi sbagliate). In verità Spotify ha molto di questo, ma Apple Music sembra una versione evoluta, più su misura di chi ascolta e con una vera programmazione capace di non annoiare chi non vuole sempre navigare per scoprire qualcosa di diverso dal giorno precedente.

L’ obiettivo sono 100 milioni di utenti per poter scavalcare il popolare Spotify che ne ha 60 (e nonostante questo sta in perdita). 9,90 dollari al mese per un accesso singolo, 14,99 un pacchetto famiglia con 6 accessi, sono i prezzi con i quale Apple vuole entrare nel mercato. Non sono prezzi che si discostano dagli altri e questo dimostra come la società di Cupertino abbia voglia di puntare sul brand che sul prezzo dell’offerta, ciò nonostante i primi tre mesi sono gratis e la piattaforma sarà disponibile anche su Windows e Android. I concorrenti sono avvisati. Apple Music come Itunes è anche un modo per entrare negli altri computer e nei device non marchiati Apple. Che la guerra cominci!

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi