YouTube Coin, come guadagnare con i video virali

Guadagnare su Youtube? Ora tutti possono farlo! Quella della monetiz-zazione dei video, infatti, non è più una possibilità offerta solo ai grandi youtuber o una prerogativa di major e TV.

Grazie al nuovo programma Youtube Partner, infatti, è possibile stringere un accordo con Google allo scopo di ricavare soldi dalla pubblicazione dei video pubblicati sul proprio canale. Una novità interessante soprattutto per esordienti e amatori, i quali possono ricavare soldi, con un po’ di fortuna, da quelle che oggi sono per lo più attività ludiche.

Prima di questo programma, si poteva monetizzare solo su richiesta a YouTube (ma pochi venivano accettati) oppure associandosi a un Multi-Channel Network (www.edmaster. it/url/4569) . Ora, anche coloro che pubblicano video di tanto in tanto, per lo più per passione, potranno ricavare qualche euro. È bene chiarire, però, che è difficile realizzare grandi cifre, almeno all’inizio. Ma vedere i primi incassi può diventare un fattore motivante per proseguire e, chissà, per diventare nuovi protagonisti del tubo.

A ogni upload di nuovi video, YouTube verificherà in automatico l’eventuale presenza di copyright o altri diritti che possano minare la monetiz-zazione. Successivamente viene autorizzata l’erogazione di pubblicità. Mediamente ci vogliono un paio di giorni. Raggiunta la soglia minima di 70 euro guadagnati, è possibile riscuotere la somma tramite il proprio account AdSense. Nel caso non ne fossimo in possesso, occorrerà crearne uno (www.edmaster.it/url/4568).

QUANTO SI GUADAGNA?

Rispetto ai Multi Channel Network, con Youtube Partner non abbiamo la possibilità di applicare formati pubblicitari più redditizi, ottenere product placement e campagne personalizzate. Google applica un modello di “revenue share”. In pratica, trattiene per sé una parte dei guadagni e dà il resto direttamente ,allo youtuber. Google trattiene il 45 \ percento dei ricavi; il 55 percento va all’autore del video. Non è facile stabilire con precisione i  guadagni. Questi dipendono dal tipo di messaggio (video o banner), dalla posizione, dalla nazione, dal prezzo di vendita per una campagna.

Occorre tenere presente che il 75 percento degli spot possono essere evitati (clic sulla scritta “salta”). Bisogna considerare infine che gli investitori pagano solo se i messaggi sono visti per almeno 30 secondi. I ricavi, secondo alcune stime molto approssimative, possono andare da 1 a 15 dollari ogni mille visualizzazioni della pubblicità connessa al video. Insomma, se ami postare video su YouTube, segui le nostre dritte e scopri come trasformare questa tua passione in un’attività più redditizia!

ATTIVA LA MONETIZZAZIONE Su Youtube, dicchiamo sull’icona blu in alto a destra e, successivamente sul Creator Studio collegato al nostro account. Dall’elenco di sinistra, espandiamo la voce Canale e dicchiamo su Stato e funzioni. Nella pagina successiva, dicchiamo sul pulsante Attiva relativa alla voce Monetizzazione.

ACCETTA I TERMINI Nella nuova pagina, possiamo attingere a una guida completa per approfondire il tema dei ricavi su Youtube. dicchiamo su Abilita il mio account. Si apre un popup nel quale dobbiamo spuntare le varie caselle e cliccare sul pulsante Accetta relativo alle condizioni di utilizzo.

COME MONETIZZARE Nei termini d’utilizzo, accettiamo di non cliccare sugli annunci presenti nei nostri video, per non falsare i dati statistici sulle visite, e di monetizzare su video dei quali possediamo tutti i diritti. Possiamo decidere quindi di abilitare anche messaggi in overlay (sovrapposizione) annullabili o meno.

…E QUANDO Il passo successivo ci istruisce sull’abilitazione della monetizzazione dei video che andremo a caricare d’ora in avanti. Youtube esegue comunque alcune scansioni dei video già esistenti, stabilendo se è possibile attivare o meno la funzione. Naturalmente, possiamo modificarne le proprietà.

VIDEO GIA’ CARICATI? Nella pagina dei video già presenti sul nostro canale, possiamo decidere di monetizzare quelli già presenti, diccando sull’icona a forma di dollaro ($), in maniera analoga a quanto avviene al momento dell’upload di quelli nuovi. Interessante la funzione che permette di monetizzare le cover musicali di brani famosi.

UN CONTROLLO E VAI Ogni volta che attiviamo la monetizzazione su un video, nella gestione dei video appare un’icona verde a forma di punto interrogativo (?). Dopo un esame della piattaforma, che richiede in generale solo qualche istante, l’icona si trasforma in dollaro ($), segno che possiamo iniziare a guadagnare.

5 TEMI VIRALI 5 Avere successo su Youtube non è facile, ma nemmeno impossibile! L’esperienza ci insegna che ci sono alcuni cavalli di battaglia che non tramontano mai…

1 MUSICA

Anche se non siamo artisti affermati, come dimostrano le cifre, i video musicali rimangono complessivamente quelli più  seguiti. Non è necessario raggiungere il pianeta con un brano inedito. Possiamo seguire l’esempio dei BoyceAvenue (www.edmaster.if it/url/4575) che, partendo da bellissime cover acustiche di brani famosi, hanno totalizzato complessivamente centinaia di milioni di visite con i video del loro canale. Sono |; talmente famosi che ora fanno concerti!

2 GATTI

Gli animali, in particolare i gattini, pagano. Anche in questo caso le cifre sonò chiarissime. Ad esempio, il video Funny Cats Compilation (www.edmaster.it/url/4576), che raccoglie una spassosa e ben organizzata serie di spezzoni con protagonista un  gatto, ha superato i 45 milioni di visite. Sono le idee più semplici ad essere premiate.

3 BAMBINI

La tenerezza e l’innocenza dei bimbi  che muovono i primi passi, che giocano con gattini e cagnolini, che mordicchiano qualsiasi cosa fa sempre breccia nel cuore  delle persone. Tutto ciò, tradotto in video,  equivale a milioni di visualizzazioni. Il videe Charlie bit my finger again! (www.edmaster.it/url/4577), ad esempio, è stato visto , da circa 825 milioni di persone. Irresistibile là sequenza di smorfie del piccolo protagonista che, ammiccando alla videocamera, si lascia triturare l’indice dal fratellino, il quale, con 1 sorriso beffardo, sembra apprezzare.

4 COMICITÀ

In Italia la comicità, se fatta bene, riscuote sempre un grande successo, f Sono tanti gli esempi di persone che hanno fatto fortuna partendo da Youtube, come il Frank Matano (www.edmaster.it/url/4578), Willwoosh (www.edmaster.it/url/4579)  o iPantellas (www.edmaster.it/url/4580), talmente seguiti su Youtube da approdare sul piccolo schermo e persino al cinema.

5 MEME

Su Youtube si può avere successo anche con una semplice idea divertente o interessante. Ne è un esempio il video The Ultimate Try NotTo Laugh Test (www.edmaster. it/url/4581) che, con una raccolta di immagini e meme, ha superato i 16 milioni di visitatori.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi