Bufera su Google: gli inserzionisti pagano le finte visualizzazioni

Google fa pagare gli inserzionisti per le visualizzazioni della pubblicità online su YouTube anche quando è vista da robot. Lo riporta il Financial Times, citando uno studio condotto da alcuni ricercatori europei. La commissione imposta da Google scatta anche quando il sistema per la rivelazione di frodi di YouTube identifica lo spettatore come ‘bot’, programmi automatici che imitano il comportamento degli utenti internet.

Le false visualizzazioni di pubblicità dei bot sono diventate un problema per gli inserzionisti che spendono sempre di più per la pubblicità online. L’esperimento è stato condotto caricando video su YouTube e acquistando successivamente pubblicità sulla piattaforma. I ricercatori hanno poi creato dei bot e li hanno diretti ai video. I bot hanno visto due particolari video su YouTube per 150 volte e il sistema di YouTube ha classificato solo 25 visualizzazioni reali, mentre AdWords, il servizio di inserzioni di Google, ha fatto pagare agli inserzionisti per 91 visite. “In altre parole, il motore di ricerca pubblicitario di Google ha fatto pagare ai ricercatori per le visite di bot anche quando YouTube le aveva chiaramente identificate come false” riporta il Financial Times.

Google si impegna a contattare i ricercatori per discutere i risultati dell’esperimento. “Prendiamo il traffico non valido molto seriamente” mette in evidenza Google, precisando di aver investito in tecnologia e personale per “tenerlo fuori dal suo sistema. La maggior parte del traffico non valido è filtrato dai nostri sistemi prima che agli inserzionisti venga fatto pagare”.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi