È ufficiale: salta il Motor Show «Grande evento nel 2016»

BOLOGNA – È ufficiale. Il Motor Show 2015 non si farà. L’edizione del quarantennale è rimandata al 2016. L’annuncio arriva dalla Fiera di Bologna che da quest’anno si è accollata l’onore dell’organizzazione dell’evento assieme ad Autopromotec.

L’ANNUNCIO – «Per organizzare al meglio il nuovo evento, Bologna Fiere e i partner hanno deciso di realizzarlo a partire dal 2016, l’anno di riconoscimento della manifestazione nel calendario internazionale Oica, che darà ancora più ufficialità e peso all’evento nei confronti della business community», comunica l’expo di via Michelino in una nota. «Abbiamo preso la decisione, con i nostri partner e sentite le case automobilistiche, di realizzare il Motor Show nel 2016 e stiamo lavorando per costruire, di nuovo, un appuntamento italiano della filiera dell’auto, dell’automotive e del motor sport», spiega il presidente della Fiera, Duccio Campagnoli. Il Motorshow 2016 sarà presentato ai media, agli operatori, alla filiera, ai distretti automotive italiani in preview il prossimo 4 dicembre.

L’IMPEGNO – «Per Bologna Fiere è un dovere nei confronti del pubblico che da 40 anni segue il Motorshow, aggiornarlo e rilanciarlo come l’evento che valorizza tutta la filiera dell’industria automotive e del Motorsport in Italia.». Spiega la società, motivando il rinvio. La Fiera assicura anche che il lavoro di 5 mesi da maggio 2015 ha consentito alla società di mettere a punto un nuovo Motorshow con un progetto pluriennale. La Fiera, ricorda, ha stretto un accordo di partnership con Autopromotec e con Aci Sport e «può contare sul supporto della filiera dell’automotive e delle associazioni di categoria». Confermato anche il sostegno di Fiat-Chrysler, come annunciato a metà ottobre da Campagnoli. «Fca Italy ha deciso di supportare il progetto con la sua partecipazione e ci sono stati riscontri positivi dai costruttori automobilistici, dai componentisti e delle associazioni incontrate», garantisce via Michelino.

L’ANNO PROSSIMO – Nel 2016, dunque, il Motorshow 2016 manterrà lo stesso calendario, dal 3 all’11 dicembre. «Sarà una manifestazione rivolta al pubblico per promuovere le vendite: per gli appassionati di motori un’esperienza a 360 gradi nel mondo dell’auto e del motorsport in una dimensione digitale e interattiva per creare una community Motorshow attiva 365 giorni l’anno», è l’anticipazione sulla 40esima edizione. «In un momento come questo, confermare e rinnovare l’investimento in un evento nazionale che avvicini il pubblico al mondo dell’auto non è solo un’opportunità ma un dovere. Bologna, l’Emilia-Romagna, la Motor Valley hanno i motori nel dna e l’innovazione è la loro vocazione: la filiera dell’automotive è chiave nell’industria italiana», rivendica Campagnoli.

IL MERCATO – «Gli esperti prevedono che già nel 2017 il mercato dell’auto tornerà a superare in Italia i 2.000.000 di pezzi venduti. Per il raggiungimento di questo obiettivo, un ruolo importante lo avrà il Motorshow un evento appositamente riprogettato per fare incontrare al meglio domanda ed offerta e quindi promuovere le vendite. Il nuovo format darà benefici non solo all’intera filiera dell’automotive, ma anche allo stesso consumatore», assicura Renzo Servadei, amministratore delegato di Promotec e organizzatore di Autopromotec. «Aci Sport conferma gia’ da ora di essere al fianco di Bologna Fiere nel 2016 facendo del Motorshow un palcoscenico internazionale del motorsport. I team interpellati si sono dimostrati molto interessati a tornare protagonisti nella famosa Arena 48 con tutte le novità sportive del settore», conclude Marco Rogano, amministratore delegato Aci Sport.

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi