Dalla Svezia ecco Naturhouse, la casa che si scalda da sola

La Svezia è un Paese decisamente molto bello, ospitale e civile ma, tra i tanti pregi che può annoverare, quello di un clima mite decisamente manca: se le estati, qui, sono ben fresche e piacevoli, gli inverni – d’altro canto – sono piuttosto rigidi. Il problema in questione, tuttavia, sembra non toccare una simpatica coppia di pensionati locali che hanno trasformato la loro casa estiva in una“Naturhouse” in grado di riscaldarsi da sola, grazie all’energia del Sole ed al conseguente effetto serra che la sua particolare struttura le garantisce. Ma andiamo con ordine.

La vicenda, come nelle più belle favole, è ambientata su un’isoletta svedese nei pressi di Stoccolma. Quila, Marie Granmar e Charles Sacilotto, una coppia di pensionati decide di ristrutturare la propria casa estiva per sfuggire al clima rigido degli inverni in città e per provare uno stile di vita diverso. Per lo scopo si affidano alle arti del famoso eco-archistar Bengt Warne che aveva sempre sognato di creare una casa che fosse un raccoglitore di Sole capace di sfruttare l’infinita energia dei cicli naturali per depurare scorie reflue, acqua, aria e per produrre compost adatti ad una coltivazione virtualmente senza soluzione di continuità.

E’ così nata la “Naturhouse” Granmar-Sacilotto costituita da una casa vera e propria attorno alla quale, in sostanza, è stata costruita una serra grazie alla giustapposizione di pannelli di vetro dello spessore di appena 4 millimetri. La struttura così realizzata accumula l’energia solare, anche nelle giornate più nuvolose e variabili, e genera una sorta di micro-effetto serra (non temete: esiste comunque il ricambio dell’aria) che permette di godere di una temperatura costante specie nei mesi più freddi dell’anno.1449142727_56602cdb4d154-624x350

Grazie a questa temperatura costante è possibile estendere il periodo di resa dell’orto procurandosi ciò di cui si ha bisogno e mettendo a coltivazione prodotti tipici del clima mediterraneo come uva, fichi, centrioli e pomodori. L’acqua e il concime per l’orto viene ottenuto sempre grazie all’energia ricavata dalla struttura a serra: l’urina viene depurata e se ne fa acqua e i residui soliti, trattati, formano il compost per il giardino e l’orto. Non si spreca decisamente nulla. Emissioni? Zero, totalmente zero. Come anche l’ammontare della loro bolletta energetica (gas e luce). Meglio di così!
Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

News recenti

News più lette di oggi