Domani sera – su Sky Uno Hd, in super Hd al canale 105 per gli abbonati da almeno tre anni e in chiaro, in digitale terrestre, su Cielo e Mtv8 – in diretta dal Forum di Assago andrà in onda la finale di X Factor 9, in tutta probabilità la più equilibrata tra le ultime edizioni. I Coldplay, band del momento con l’album «A Head full of Dreams» uscito meno di una settimana fa, saranno i superospiti, protagonisti di un set di due brani con Chris Martin che canterà dal vivo su basi. Quanto alla gara, non c’è un vincitore designato e questo, secondo il conduttore Alessandro Cattelan, «ha reso la competizione particolarmente avvincente».

Chi ha già vinto, però, è Sky: 2,3 milioni di spettatori medi nei sette giorni rappresentano l’audience raccolta dalle 13 puntate, superiore del 7% all’edizione del 2014, e 1,35 milioni di spettatori medi a puntata (dato Smart Panel Sky), per un raccolto medio dei passaggi della prima sera di programmazione del +10% rispetto all’anno scorso. I dati sulle interazioni social trovano una cifra simbolica nei 19 milioni 300mila voti giunti sinora. «Non è scontato crescere – commenta Nils Hartmann, direttore delle produzioni originali Sky – per un format del genere. Quest’anno poi avevamo la concorrenza interna con le partite di Europa Legue, altro evento seguito dalla stessa fascia di pubblico. Crescere era una scommessa e l’abbiamo vinta. Così come abbiamo vinto anche la scommessa della giuria all music». Che per la finalissima ci metterà del suo: previsti sul palco del forum set di Elio e le Storie Tese, Skunk Anansie e l’inedito duo Fedez & Mika con il nuovo brano scritto a quattro mani, «Beautiful Disaster».

Palco circondato da 8mila spettatori che sarà illuminato da 750 luci motorizzate e inquadrato da 16 telecamere, cui si aggiungerà una avveniristica robycam. «Questa edizione – commenta lo scenografo Luca Tommassini – mi ha dato grandi occasioni. Per me è stata una grande festa. Non succede sempre che la squadra di lavoro assecondi sempre le idee che ha chi fa il mio mestiere, come succede qui».

La sfida finale vedrà Enrica, Davide, Giosada e Urban Strangers impegnati a fianco di Cesare Cremonini nei duetti e proseguirà con la manche degli inediti. Per lo scontro decisivo, invece, i due «sopravvissuti» si giocheranno il gradino più alto del podio e un contratto con Sony Music Italia con un brano scelto da ciascuno di loro tra quelli interpretati durante il percorso nel talent show. Il livellamento tra i concorrenti fa felice Andrea Rosi, presidente della costola tricolore della major: «È successo – spiega – quello che ci aspettavamo: si è alzato il livello medio. Artisticamente nel complesso è stata l’edizione migliore. In classifica, guardando agli inediti, già cogliamo risultati incoraggianti. In quanto a vendite contiamo di avere lo stesso ritorno delle passate edizioni che pure sono importanti. Nessun dubbio sul fatto che esista una connessione diretta tra X Factor e chi compra musica. Da venerdì mattina – conclude il presidente di Sony Italia – per questi cinque ragazzi comincerà il difficile». Chi salirà sul gradino più alto del podio? Guai a chiederlo ai diretti interessati. Vuoi per non surriscaldare il clima, vuoi per scaramanzia, rispondono unanimemente: «Nel loft si sono creati stupendi rapporti di amicizia. Questa per noi neanche è una competizione». Ha ragione Andrea Rosi: da venerdì sarà tutta un’altra storia.